CARNEVALE DI SANTA CRUZ DE TENERIFE - Il Carnevale in altri comuni - Tenerife

Carnevale di Santa Cruz de Tenerife

Festa di Interesse Turistico Internazionale
CARNEVALE DI SANTA CRUZ DE TENERIFE
cerrar
Inviare pagina via mail
Il Carnevale è la festa più nota e celebrata dell'isola, soprattutto nella capitale Santa Cruz de Tenerife. Per vari giorni i colori dei travestimenti e l'allegria dei partecipanti inondano le strade della città in una straordinaria atmosfera di festa. La festa di Santa Cruz de Tenerife in strada ha inizio il venerdì che precede il Martedì Grasso, con una spettacolare cavalcata annunciatrice e si conclude durante la notte, quando migliaia di amanti del carnevale, travestiti, danzano e si divertono fino all'alba seguente.

Lo spettacolo prosegue notte dopo notte fino al Mercoledì delle Ceneri, quando gli abitanti di Santa Cruz de Tenerife seppelliscono la sardina e dichiarano ufficialmente concluso il Carnevale. La festa ritorna tuttavia la settimana successiva, con il noto fine settimana "de piñata".

Ma prima che tutto abbia inizio per le strade, il Carnevale di Santa Cruz vive grandi eventi come l'incoronazione della regina, con un sorprendente spettacolo a cui partecipano le centinaia di artisti ormai fedelissimi, vera e propria anima della festa. Durante lo svolgimento dello spettacolo, le candidate a regina sfilano indossando costumi con impressionanti fantasie, che spiccano per la creatività e l'ingegno delle rispettive stiliste. 

Le associazioni del Carnevale sono un altro dei grandi protagonisti della festa. Per buona parte dell'anno i loro membri, tutti grandi appassionati, provano per mettere a punto danze e canzoni. Comparsas, murgas, rondallas e associazioni musicali hanno un proprio carattere peculiare.

Gli abitanti vivono il Carnevale in maniera molto intensa. Lo facevano già in passato, quando il regime politico del generale Franco proibì i festeggiamenti in tutta la Spagna, ma non poté farlo anche a Tenerife, dove venne camuffato come Feste d'Inverno dinnanzi alla resistenza degli isolani a perdere questa vivace e allegra tradizione.