Osservazione degli uccelli - Tenerife
  • Osservazione degli uccelli
  • Osservazione degli uccelli
  • Osservazione degli uccelli

Osservazione degli uccelli

Nascosto tra la macchia, è da un bel po’ che aspetti in silenzio che appaia. Ed eccolo che compare a due metri da te: il piumaggio è ancora più colorato di quanto immaginassi e i suoi movimenti sono decise e delicate al contempo. Rompe il silenzio del bosco con il suo canto, che è musica per le tue orecchie. Impugni la macchina fotografica, che è diventata un'estensione del tuo corpo, e inizi a scattare fotografie a velocità supersonica per non perdere nemmeno un particolare … Il meraviglioso mondo degli uccelli è il tuo mondo.

È stata registrata la presenza di 70 specie di uccelli che si riproducono sull’isola, alcune di esse endemiche. Hai a disposizione 21 punti distribuiti nelle zone di montagna come nelle “medianías”, ovvero le zone vulcaniche di altitudine media, o sulla costa. Tutti punti che offrono le condizioni ideali per l'osservazione di queste specie.


Bozzago o poiana comune
(Buteo buteo insularum)
Si nutre di rettili, insetti e piccoli mammiferi come i topi che generalmente caccia in aree cespugliose e di coltivazione. In linea generale è facile vederlo durante tutto l’anno, basta avvicinarsi alle zone di montagna dell’isola e alle gole, che sono i suoi habitat naturali.


Berta maggiore
(Calonectris diomedea)
Emette un caratteristico suono commiserevole e stridente nelle zone di riproduzione, invece quando è in volo in alto mare è silenziosa. È un uccello marino che si può osservare sull’isola da primavera fino ad autunno: una buona posizione per avvistarli sono i promontori costieri, e ancora meglio verso sera.


Uccello delle tempeste di Bulwer
(Bulweria bulwerii)
In Spagna si trova unicamente nelle Canarie e, più precisamente, Tenerife è l’isola che ne ospita il maggior numero di esemplari, circa 400 coppie. Trascorrono la maggior parte del tempo pescando in alto mare (principalmente plancton) e si avvicinano alla terra ferma per nidificare. Nidificano sotto gli scogli e tra le fessure, sono uccelli notturni nelle zone di riproduzione. Emettono un suono simile all’abbaio di un cagnolino.


Piccione di Bolle
(Columba bollii)
Questa specie endemica dell’isola abita nelle foreste di laurissilva. Si nutrono fondamentalmente di frutti di mirica delle Canarie, alloro, ilex canariensis, corbezzolo… Si annida sempre sugli alberi ed ha un colore grigiastro con riflessi color vino sul petto e verdi e rosati sul collo.


Rondone di pianura
(Apus unicolor)
La rondine di pianura è facile da identificare grazie alla sua forma a balestra e il grido acuto che emette. Trascorre la maggior parte del tempo volando in gruppo, e si posa solo quando entra o esce dal nido. È in grado di dormire in pieno volo. Si tratta di un uccello migratore che torna ogni anno dall’Africa in primavera e in estate. Oltre alle gole, tra i suoi luoghi preferiti per fare il nido ci sono le case abbandonate e gli edifici delle zone urbane.


Falco di Barberia
(Falco peregrinus pelegrinoides)
È un’altra delle specie che si trovano unicamente nelle Canarie -se ci atteniamo al territorio nazionale-. Le sue origini sono nordafricane, benché si registrino esemplari in luoghi così lontani come l’Egitto o la Mongolia. Tra le sue zone di annidamento preferite vi sono le scogliere marine e le gole con scarsa vegetazione. Di grande mole, fino a un metro, si nutre di piccioni e piccoli uccelli.


Passera spagnola
(Passer hispaniolensis)
Di natura gregaria, fanno il nido non solo sugli alberi ma anche sui pali della luce e sulle torrette. Sono vegetariane e chiassose (si possono sentire a qualche centinaia di metri di distanza). È sempre stato un uccello molto comune sull’isola, ma negli ultimi anni è sempre più difficile vederne. I luoghi migliori sono i paesini e i parchi e giardini delle città.


Canarino
(Serinus canaria)
È uno dei simboli delle Canarie, una specie esclusiva di quest’arcipelago oltre a quelli di Madera e delle Azzorre. Presenta toni brunastri nella parte superiore e verdi e gialli sul petto e sulla parte anteriore della testa. Solitamente lo si può vedere in fitti stormi alla ricerca di semi nei boschi e nelle coltivazioni. La sottospecie domestica del canarino silvestre è l’uccello più popolare del mondo come animale domestico.


Luì delle Canarie
(Phylloscopus canariensis)
Si muove in zone di montagna più o meno frondose e foreste di laurissilva, ma gli piacciono anche le zone coltivate e i giardini. Insetti, frutti e polline sono la base della sua dieta. Frequente sia sulla costa che sulle vette.


Fringuello
(Fringilla coelebs)
Vi sono 16 sottospecie in tutto il mondo, delle tre che si trovano nelle Canarie, una è di Tenerife. È usuale vederli pullulare tra le foreste di laurissilva e le pinete umide. Si nutrono di semi, benché gli esemplari più giovani includono anche insetti nella loro dieta.


Fringuello azzurro
(Fringilla teydea)
Il suo piumaggio azzurro appare splendido in epoca di riproduzione, una tonalità che diventa bruno-bluastra il resto dell’anno. È una specie endemica delle Canarie che abita nelle pinete dell’isola (lo si può vedere nelle pinete di Teno, Aguamansa, Boca Tauce, Arico,…). Si nutre di semi di pino, citiso e ginestra dei carbonai, oltre che delle larve di alcuni insetti che fanno il nido nella corteccia dei pini.


Falco pescatore
(Pandion haliaetus)
Intimamente legata al mare, crea i suoi nidi su isolotti e scogliere come quella di Teno, uno dei luoghi di localizzazione abituale. Si nutre solo di pesci. È sempre più difficile vederlo perché si tratta di uno dei rapaci più rari di Tenerife.


Passera lagia
(Petronia petronia)
La piccola macchia gialla al centro del collo è uno dei segni che contraddistingue la passera lagia, un’altra delle sue caratteristiche è il suo grido intenso, acuto e nervoso. Schiva e diffidente in epoca di riproduzione, si lascia vedere con minor timidezza in autunno e inverno. Per avvistarla è necessario recarsi alle zone di coltivazione tradizionale presso i massicci di Teno e Adeje.


Regolo di Tenerife
(Regulus teneriffae)
Di piccole dimensioni (i suoi nove centimetri di lunghezza, infatti, ne fanno il più piccolo tra gli uccelli che si riproducono a Tenerife), vive esclusivamente nelle pinete. Si nutre di invertebrati che trova tra i rami di alberi e arbusti.


Colomba di Giunone
(Columba junoniae)
Malgrado la presenza della colomba di Giunone sia andata diminuendo progressivamente, è possibile avvistarla soprattutto nelle gole della zona nord dell’isola e in zone di Fayal-Brezal o Monteverde.


Trombettiere
(Bucanetes githagineus)
Questa specie seriamente minacciata è frequente presso i versanti, le gole e paesaggi rocciosi. È un uccello dalla testa grande e con il becco corto che prende un colore rosso in periodo dell'accoppiamento.


Cinciarella africana
(Parus teneriffae)
La parte superiore della sua testa è blu cobalto e ali e coda hanno una tonalità indaco. Contrastano con il verde del suo dorso e il giallo delle sue parti inferiori. È una specie che si trova unicamente nelle Canarie e in Africa del nord. Gli piace muoversi tra le ginestre del Parco Nazionale del Teide, dove caccia piccoli invertebrati.


Ballerina gialla delle Canarie
(Motacilla cinerea canariensis)
Della sua linea slanciata spicca la sua lunga coda ondeggiante che utilizza per i rapidi cambi di direzione in pieno volo. Si nutre di ragni, insetti e crostacei. Gli specchi d’acqua, i canali d'irrigazione e le zone di coltivazione sono i luoghi in cui spende la maggior parte del suo tempo.


Fratino
(Charadrius alexandrinus)
È usuale vederlo in spiagge, saline e zone costiere. Costruisce il suo nido vicino all’acqua, in piccole fenditure delimitate da ciottoli, alghe o pezzi di conchiglie. Sull’isola si trova presso il litorale del Médano e la Montaña Roja, benché in inverno è possibile avvistarli in altri punti della costa isolana.


Pispola di Berthelot
(Anthus bethelotii)
Quando si sente minacciata raramente vola per fuggire; preferisce correre facendo piccole soste intermittenti. È una specie endemica della Macaronesia. La si può osservare dal livello del mare e fino ai 3.000 metri di altezza, in zone poco alberate o tra la vegetazione rada. È usuale trovarla lungo i sentieri, da qui il suo nome in spagnolo “bisbita caminero”. Mangia cavallette, grilli e bruchi.


Picchio rosso maggiore
(Dendrocopus major)
Per nutrirsi, cerca insetti (soprattutto larve) sotto le cortecce degli alberi. Lavora ogni tipo di legno, che è in grado di perforare senza il minimo problema grazie al suo potente becco. A Tenerife e Gran Canaria si trovano due sottospecie del pico picchio rosso maggiore.

Area Protetta di Las Lagunetas

Titolo: Area Protetta di Las Lagunetas

Descrizione: Situata tra le vette di La Esperanza, si tratta di un'ampia formazione boschiva popolata prevalentemente da pini ed eucalipti. Molto raccomandata per l'osservazione degli uccelli tipici delle zone forestali.

Area ricreativa di El Lagar

Titolo: Area ricreativa di El Lagar

Descrizione: Ai piedi del Teide, è circondata da una fitta foresta di pini delle Canarie e da un sottobosco di arbusti di Monteverde. Ideale per osservare gli uccelli tipici delle foreste.

Area Ricreativa di Las Lajas

Titolo: Area Ricreativa di Las Lajas

Descrizione: Al confine del versante sud di Las Cañadas del Teide si trova questa vasta area ricreativa, incastonata in una pineta rada e priva di sottobosco. I vecchi alberi danno rifugio a fringuelli, sparvieri e picchi rossi maggiori.

Area Ricreativa di Ramón Caminero

Titolo: Area Ricreativa di Ramón Caminero

Descrizione: Un'area ricreativa situata all'inizio della Valle de La Orotava e al limitare di Las Cañadas del Teide. Durante le prime ore della mattina e le ultime della sera è possibile osservare alcune delle specie più singolari delle nostre foreste.

Belvedere di Pico del Inglés

Titolo: Belvedere di Pico del Inglés

Descrizione: Sulle vette del massiccio di Anaga, circondato da una fitta foresta di laurissilva, si trova il belvedere di Pico del Inglés, da cui si può ammirare buona parte del Parco Rurale di Anaga. Ottimo luogo per osservare varie specie di rapaci, uccelli tipici d

El Portillo

Titolo: El Portillo

Descrizione: Al limitare del Parco Nazionale del Teide si trova l'Area di Servizio di El Portillo, circondata di ginestre, citiso dei carbonai e vegetazione esclusiva di questo luogo. Dal Centro Visitatori partono vari sentieri che consentono di scoprire la biodiversi

La Caldera de La Orotava

Titolo: La Caldera de La Orotava

Descrizione: Si tratta di un'area ricreativa dalla quale partono vari itinerari da fare a piedi. Predomina una fitta pineta umida al limitare del Monteverde, con molti uccelli tipici delle zone forestali da avvistare.

Monte del Agua

Titolo: Monte del Agua

Descrizione: Si tratta di una delle foreste di Monteverde meglio conservate dell'isola. Le sue gole sono abitate da colombe della laurissilva e rapaci forestali.

Monumento Naturale Montaña de Guaza

Titolo: Monumento Naturale Montaña de Guaza

Descrizione: Montagna vulcanica erosa dal passare del tempo incastonata ai bordi di Los Cristianos. La vegetazione, tipica degli ambienti desertici, funge da rifugio per varie specie di uccelli steppici come l'occhione, l'averla maggiore e il ciuffolotto trombettiere.

Riserva Naturale Integrale Roques de Anaga

Titolo: Riserva Naturale Integrale Roques de Anaga

Descrizione: Situati a pochi metri dalla costa nord del massiccio di Anaga, sono colonizzati da dracene e arbusti legnosi. La visita è vietata per evitare l'alterazione delle condizioni di vita delle importanti colonie di uccelli marini che vi abitano. L'alternativa è

Riserva Naturale Speciale del Malpaís de Güímar

Titolo: Riserva Naturale Speciale del Malpaís de Güímar

Descrizione: Si tratta di un'immensa campagna disseminata di colate vulcaniche circondata da terreni coltivati, centri abitati e zone industriali. Il paesaggio è punteggiato di cactus ed euforbie, tra i quali vivono varie specie di uccelli canterini.

Riserva Naturale Speciale del Malpaís de Rasca

Titolo: Riserva Naturale Speciale del Malpaís de Rasca

Descrizione: Nell'estremità sud dell'isola si trovano i resti di un antico vulcano le cui colate pietrificate si addentrano verso l'oceano. Dalla frangia costiera è possibile osservare varie specie di uccelli marini e aironi.

Riserva Naturale Speciale di Montaña Roja

Titolo: Riserva Naturale Speciale di Montaña Roja

Descrizione: Zona costiera nel sud dell'isola formata da spiagge di sabbia e dune, si trova ai piedi di un imponente cono vulcanico di lava rossiccia popolato di euforbie. Si tratta di un ottimo luogo per osservare gli uccelli marini e acquatici migratori.

Riserva Naturale Speciale Gola dell'Inferno

Titolo: Riserva Naturale Speciale Gola dell'Inferno

Descrizione: Scoscesa gola situata nel massiccio di Adeje. Il suo alveo vanta una fitta foresta di salici delle Canarie e dalle sue pareti pendono dracene e sabine. Ottimo luogo da cui osservare rapaci e uccelli di montagna.

San Cristóbal de La Laguna, Città Patrimonio dell’Umanità

Titolo: San Cristóbal de La Laguna, Città Patrimonio dell’Umanità

Descrizione: Il centro antico di San Cristóbal de La Laguna ospita alcuni degli edifici più antichi delle Canarie. I parchi e i giardini sono luoghi ottimi dai quali osservare rondoni, tortore e passeri, per citarne alcuni.

Scogliera di Los Gigantes

Titolo: Scogliera di Los Gigantes

Descrizione: Sulla costa ovest del massiccio di Teno si trova questa imponente parete di roccia, frutto dell'erosione di migliaia di anni. Le spiagge e le gole ospitano specie minacciate quali il falco pescatore, il falco di Barberia e il corvo.

Sito di interesse scientifico della Gola di Ruiz

Titolo: Sito di interesse scientifico della Gola di Ruiz

Descrizione: Gola punteggiata di dracene, palme, sabine e piante endemiche delle isole. Ottimo luogo in cui avvistare rapaci, colombe di Giunone e passeri del sottobosco.

Taganana

Titolo: Taganana

Descrizione: All'interno del Parco Rurale di Anaga si trova il nucleo abitato di Taganana, alla fine di grandi pareti e terrazzamenti per la coltivazione di vigna, verdura e frutta. Si tratta di un ottimo luogo per osservare gli uccelli tipici delle aree agricole e i

Teno Alto

Titolo: Teno Alto

Descrizione: Zona di pascoli per capre intercalati da arbusti di brughiera e coltivazioni senza irrigazione nella quale è possibile avvistare stormi di uccelli tipici delle aree agricole.

Teno Bajo

Titolo: Teno Bajo

Descrizione: Pianura che si estende ai piedi delle scogliere del Massiccio di Teno. Predominano cactus ed euforbie. Buon luogo in cui fermarsi ad osservare rapaci e uccelli marini.

Villa de La Orotava

Titolo: Villa de La Orotava

Descrizione: I tetti delle antiche case del centro storico sono il rifugio ideale di centinaia di rondoni. Inoltre nelle piazze e nei giardini è possibile osservare varie specie di uccelli urbani.

Consigli pratici
Indossa scarpe adatte per camminare lungo sentieri sterrati e terreni rocciosi....
Continua a leggere
cerrar
Consigli pratici
  • Indossa scarpe adatte per camminare lungo sentieri sterrati e terreni rocciosi.
  • Nel caso in cui l’escursione si protragga per molte ore, porta acqua e provviste sufficienti.
  • Se l’escursione si svolge di giorno, ricorda di mettere nello zaino protezione solare, berretto o cappello.
  • Non disturbare con la tua presenza gli uccelli e le altre specie animali e vegetali che troverai lungo il cammino.
  • A Tenerife è possibile osservare gli uccelli in qualsiasi periodo dell’anno, grazie all...Continua a leggere
    cerrar
    Quando?

    A Tenerife è possibile osservare gli uccelli in qualsiasi periodo dell’anno, grazie alla temperatura media costante di 22 gradi. L'osservazione degli uccelli migratori dipende invece dal periodo dell’anno. Il momento migliore è tra la fine dell'estate e l’inizio dell'autunno. È allora, infatti, che è possibile osservare il passaggio di diverse specie, tra le quali spiccano la sterna artica o la berta grigia.

    Se sei un appassionato di birdwatching è sufficiente la tua attrezzatura abitual...Continua a leggere
    cerrar
    Cosa mi serve?
    • Se sei un appassionato di birdwatching è sufficiente la tua attrezzatura abituale. Se invece desideri fare un corso di introduzione all'attività, avrai bisogno di un cannocchiale e di un telescopio portatile munito di treppiede.
    • Se vuoi scattare delle fotografie o registrare il canto degli uccelli, non dimenticare la macchina fotografica e il registratore con microfono.
    • Porta con te un prospetto o un libro dove si illustrino le caratteristiche degli uccelli più diffusi a Tenerife (dimensioni, piumaggio, suoni, habitat): ti aiuterà a identificarli con maggiore facilità.
    • Per un controllo più esaustivo dell’attività, è quasi obbligatorio un taccuino sul quale annotare i dati della tua osservazione.
    In linea di massima non sono necessari permessi per l’osservazione degli uccelli, a men...Continua a leggere
    cerrar
    Sono necessarie autorizzazioni?

    In linea di massima non sono necessari permessi per l’osservazione degli uccelli, a meno che ci si addentri in aree protette che lo richiedano. Un buon consiglio è quello di rivolgersi alle aziende specializzate in questo genere di attività.

    Galleria multimediale