CORONA FORESTALE - Altre aree naturali - Tenerife

Corona Forestale

Parco naturale
PARCO NATURALE DELLA CORONA FORESTALE
Añadir al cuaderno de viajeEliminar del cuaderno de viaje
cerrar
Inviare pagina via mail

Ti attendono foreste con infinite storie da raccontare e paesaggi che ti toglieranno il fiato. Se pratichi mountain bike o trekking, vedrai come ti addentrerai nel fitto verde lasciandoti il blu del mare alle spalle. Tutto ciò puoi toccarlo con mano addentrandoti nella spettacolare zona forestale che circonda il maestoso Parco Nazionale del Teide.

Si tratta dell'area protetta più estesa delle Canarie, rifugio dei migliori esempi di pinete e di vegetazione d'alta montagna di Tenerife. E da questa altitudine prendono vita molte delle impressionanti gole che scavano qua e là l'isola. Non puoi perderti questa zona. Vieni e goditi le sue infinite possibilità. Perché con la sua estensione di circa 50.000 ettari si tratta del luogo ideale per esplorare e godersi le innumerevoli specie endemiche di flora e fauna. Con le vallate immense come quella di La Orotava o di Güímar, con le gole e le montagne e tutto ciò che rende questo spazio unico sull'isola e nel mondo.

Come arrivare:

Guagua (autobus): Da Costa Adeje, linea 342. Da Puerto de la Cruz, linea 348. Da Guía de Isora, linea 492.

Automobile: da La Esperanza, lungo la TF-24 (strada Dorsale). Da Arafo, lungo la TF- 523 (strada di Los Loros). Da La Orotava, lungo la TF-21. Da Guía de Isora, lungo la TF-38. Da Vilaflor, lungo la TF-21.

Cosa vedere:

Non lasciarti sfuggire nessun dettaglio, goditi il paesaggio che ti si offre davanti, dagli innumerevoli belvedere che troverai. Se ami la geologia non perderti l'occasione di ammirare le gole, le sporgenze o le colate laviche recenti, esempi viventi dell'essenza vulcanica dell'isola. Ascolta il perpetuo borbottio della gola del Río o passeggia tra i luoghi abitati di Las Dehesas e Los Pelados, dove potrai confonderti tra gli agricoltori che conservano tradizioni antichissime con i loro ricoveri attrezzi e le tradizionali cantine.

I residenti trascorrono il tempo libero avvolti da canti chiassosi, da conversazioni pacate e, naturalmente, mangiando e degustando questo vino che proviene dalla terra e gelosamente custodito nelle cantine costruite con le loro mani. Non puoi perderti il Paesaggio Lunare della zona alta di Vilaflor. Ti sentirai come Neil Armstrong nella sua famosa missione a bordo dell'Apollo XI. E non puoi non visitare l'impressionante zona delle Cuevas Negras, a nord di Pico Viejo.

Vale la pena avvicinarsi a uno dei tronchi di pino delle Canarie e scoprirne la dura corteccia che lo rende un albero immune al fuoco. Respira in questa immensa zona forestale, una delle migliori di tutte le Canarie; aspira il profumo del fayal-brezal e di una delle ultime vestigia rimanenti al mondo di Laurissilva, che si trova nella gola di Teguigue, nella valle di Güímar.

A 2.000 metri di altitudine potrai ammirare una macchia di montagna, simile a quella del Parco Nazionale di Las Cañadas del Teide. È normale anche incontrare castagni, eucalipti o cipressi in svariati punti. L'intero spazio naturale, soprattutto le colline a Sud e a Nord, vantano innumerevoli specie a rischio di estinzione e protette.

Osservando con attenzione riuscirai forse a scorgere qualche animale che vive in questa zona, dove gli invertebrati sono il gruppo più numeroso con tantissime specie, molte delle quali endemiche. Anche gli uccelli amano vivere nel Parco. Potrai avvistare 37 specie che nidificano qui, alle quali se ne aggiungono altre migratorie e visitatori occasionali. In questa zona si possono osservare quattro degli uccelli unici dell'arcipelago: il fringuello blu del Teide, il luì piccolo delle Canarie e gli esclusivi piccione di Bolle e la colomba di Giunone.

Lasciati stupire dallo sparviero e dal gheppio, due tra gli uccelli più grandi. E da tre delle quattro specie autoctone di rettili (la lucertola Chalcides coeruleopunctatus, la salamandra di Tenerife e la gallotia delle Canarie) che si trovano nel Parco.

I mammiferi più interessanti sono i pipistrelli —vari autoctoni—, che vivono nelle grotte e nei tubi vulcanici della zona. Ci sono poi alcune specie introdotte dall'estero, come il coniglio e il muflone corso. Il primo sarà facile da avvistare, mentre il secondo è molto più timido e pauroso.

Cose da fare:

Cosa hai voglia di fare? Hai voglia di perderti tra gli infiniti sentieri che percorrono la Corona Forestale? Il tuo corpo ha bisogno di adrenalina e preferisci un volo in parapendio? Magari hai voglia di un percorso in mountain bike godendoti l'impressionante paesaggio mentre ti tieni in forma. Arrampicata, escursioni a cavallo, speleologia, camping... Tutto ciò che ti viene in mente e molto altro.

E se vuoi di più, lanciati nel vuoto con la funicolare più lunga delle Canarie.

Forestal Park
Strada TF-24 Km 16, Las Lagunetas.
Tel. 0034 630385742
Sito Web: www.forestalpark.com

E se hai voglia di qualcosa di più tranquillo, ci sono varie aree ricreative, come il camping di Madre del Agua (nel territorio comunale di Granadilla de Abona), quello di Arenas Negras, quello di Contador (nella parte alta di Arico) e quello di Emilio Fernández Muñoz (nella parte alta di Los Realejos) dove potrai cucinare all'aperto, passeggiare o semplicemente sdraiarti all'ombra di un albero e goderti in tranquillità i suoni della natura.

Cosa portare:

Come nel caso della visita al Teide, non dimenticare di portare il cellulare da usare in caso di imprevisti, la protezione solare, un berretto, una giacca e un impermeabile. Il tempo a queste altitudini può cambiare in fretta. Non dimenticare di portare acqua o una bevanda isotonica per recuperare le energie e, ovviamente, scarpe adatte.

cerrar
Come arrivare a:

Corona Forestale

Apri su Google Maps